Gratitudine: trovare la gioia nella profondità di ogni attimo

La gratitudine è una delle emozioni positive che mi hanno davvero migliorato la vita in modo profondo.

Essere grati significa proprio questo, accorgersi di tutto ciò che è in grado di migliorarci la vita per accoglierlo e lasciarlo scivolare in fondo al cuore.

Ma gratitudine è anche “gratificare”, aggiungere valore alle cose attraverso la nostra riconoscenza. Gratitudine è amore.

È troppo importante imparare la gratitudine, ma come si fa?

Per spiegartelo ho pensato a un modo un po’ insolito e forse bizzarro, ma che coglie pienamente il principio da cui prende origine questa splendida emozione.

Mia sorella ha condiviso con me un video con un gioco davvero incredibile.

Questo video aveva sbalordito lei e molti suoi amici, così ho pensato di proporlo anche a te.

Presta molta attenzione 😉

Visto? Sbalorditivo, non ti pare?

Eppure un trucco c’è e sono rimasta piacevolmente sorpresa di averlo indovinato al volo, mentre mia sorella non lo capiva nemmeno dopo averglielo spiegato 😀

Siamo abituati a guardare a quello che ci manca ed è proprio questa nostra abitudine a far funzionare questo gioco.

Infatti, qualunque carta sceglierai, tra le carte che compariranno dopo, la tua mancherà sempre. Sai perché?

Se osservi bene noterai che le carte sono tutte diverse da quelle che hai visto all’inizio. Come potrebbe esserci quella che hai scelto?

Il punto è che finché cercherai quello che manca non potrai trovarlo!

Ovvio, non ti sembra?

Eppure questo è lo stesso che facciamo nella realtà.
Cerchiamo quello che manca e non troviamo quello che cerchiamo.

Sembra un paradosso, ma in questo modo vediamo solo ciò che non vediamo, così ci sembra di non avere nulla e stiamo male.

Avremmo potuto invece guardare le carte che c’erano nel primo gruppo e poi concentrarci sulle carte che c’erano nel secondo.

Notando davvero quelle carte, le avremmo osservate e ci saremmo accorti che erano tutte diverse dalle precedenti.

Questo è ciò che ho fatto io scoprendo il trucco 😉

Allo stesso modo, se il mago ci avesse chiesto di trovare la carta scelta tra quelle che aveva in mano, le avremmo guardate tutte e non trovando la nostra, il trucco non avrebbe potuto funzionare.

Eravamo guidati dal mago però, così ci siamo concentrati sulla nostra carta che manca e non su quelle che ci sono.
E il mago ha indovinato di sicuro 😀

Ma cosa c’entra tutto questo con la gratitudine?

Aspetta, ora ti spiego 😉

Ecco cosa troverai in questa guida:

Non esiste gratitudine senza consapevolezza: vedere tutta la realtà

consapevolezza-vedere tutta la realtà

Devi sapere che il succo della gratitudine è tutto qui, nell’accorgersi di quello che c’è.

Riconoscere che esiste già, non dobbiamo fare nulla per averlo tranne che una cosa: diventarne consapevoli. Vedere.

Siamo abituati a guardare alla realtà per quello che ci manca, per le cose che vanno male, per i nostri errori o per gli obiettivi che non raggiungiamo.

Ma quello che c’è lo guardiamo mai?

Se una cosa manca, manca, è vero. Ma non è altrettanto vero che invece delle cose ci sono?

Diventare consapevoli significa vedere quello che c’è e quello che manca.

Significa vedere tutta la realtà per godere di ciò che c’è e capire profondamente di cosa è fatto ciò che manca, comprendendo il vero motivo per cui il fatto che manchi rappresenta un problema. E risolverlo.

Ma spesso basterà la consapevolezza a sgretolare sotto ai nostri occhi quel problema. Scopriremo che quella cosa sembrava mancarci solo perché fino a quel momento non l’avevamo vista davvero.

Vedevamo invece il significato che gli davamo, quel significato che diceva di noi, dei nostri gusti, delle nostre regole, ma nulla di quello che appartenesse veramente a quella cosa.

Cercavamo un’immagine che apparteneva solo alla nostra mente, perdendoci quello che invece c’era ed era reale.

Il primo passo per imparare a godere della gratitudine è proprio questo: imparare a guardare la realtà per quella che è.

Guardarla come la vedrebbe uno scienziato che osserva un fenomeno a scopo scientifico, solo per capire e imparare.

Vedere quello che c’è e quello che manca e che la realtà è fatta da entrambe le cose.

Questo significa avvicinarci più possibile alla realtà oggettiva, togliendo ogni filtro e depurandola del significato che noi gli attribuiamo.

Essere grati significa accorgersi (anche) di quello che c’è

essere grati

Il secondo passo per essere grati poi sarà quello di concentrarci su quello che c’è.

Fai attenzione che questo non significa far finta di nulla e trascurare quello che manca, ma piuttosto concentrarci su quel che abbiamo e che è già lì a nostra disposizione, per goderne evitando che vada sprecato.

Potresti pensare che ti stia proponendo una sorta di autoconvinzione, un mantra che ti infila nella testa che il mondo sia tutto rosa.

Non è così.

Siamo educati a pensare che è sbagliato guardare a ciò che abbiamo, abbiamo imparato che in questo modo ci dimenticheremo dei problemi e trascurandoli, non li risolveremo.

Ma se davvero ci preoccupassimo solo di sistemare le cose che non vanno, senza concederci di godere di quello che va bene, come potremmo godere di ciò che abbiamo sistemato?

Lo prenderemmo per metterlo da parte e riportare l’attenzione su altro che non va e che dovremo sistemare.

Pensaci, ti impegni rendere positiva una cosa e poi nemmeno ci fai caso perché la tua attenzione dove va? Di nuovo sulle cose che non vanno bene per poterle sistemare. Le altre.

E a cosa servirebbe tutta questa perfezione?

Ecco perché mentre sistemiamo ciò che non funziona dobbiamo imparare a godere di quello che c’è, a essere positivi nella vita.

Più alleneremo la mente in questa direzione, più noteremo quello che c’è.

Ma questo non basta per provare quella gratitudine che ci cambierà la vita.

Fermare il tempo e vivere nella profondità di ogni attimo

Gratitudine-cerchi acqua

Uno sguardo superficiale renderà presto scontato ciò che abbiamo, esaurendo in fretta la ricchezza che possiede.

Per diventare davvero consapevoli di ciò che abbiamo è necessario fermarsi e osservare profondamente, invece di limitarsi a vedere che abbiamo qualcosa.

Il nostro obiettivo non è quello di riempirci di “cose”, ma di goderne riconoscendone il valore.

Ciò che diventerà scontato, invece, scomparirà dai nostri occhi come un oggetto vecchio riposto in un armadio e che non sappiamo più di avere.

Provare gratitudine significa andare nella profondità di ogni cosa e di ogni attimo. Il segreto è quello di viverci dentro.

E per questo serve calma.

Come potremmo vedere profondamente ciò che abbiamo se non fermiamo il tempo di quell’istante?

Per accorgerci e poter essere grati dobbiamo dilatare il tempo e vivere ogni attimo per coglierne la ricchezza e lasciarla entrare vedendo tutto l’infinito che contiene.

Pensa a quando lanci un sasso a tutta velocità sul pelo dell’acqua. Finché va veloce, salta sulla superficie e non può accorgersi di quello che c’è dentro nell’acqua e di come è fatta, che ora passa via rapido e superficiale.

Solo quando rallenta allora va giù, in profondità e vede.

Per poter essere grati, dobbiamo vivere dentro al tempo entrando nella profondità di ogni attimo, proprio come il sasso entra nella profondità dell’acqua.

Se non viviamo il momento, se non ci fermiamo in quello che stiamo vivendo, ma pensiamo a quello che non c’è o a quello che dovremo fare dopo, non potremo vedere quello che invece c’è dentro all’attimo che viviamo e non potremo accorgerci.

Ho trovato una frase interessante nel libro di De Mello “Messaggio per un’aquila che si crede un pollo”.

Molti pensano che la domanda più importante del mondo sia: […] Esiste una vita dopo la morte? […]
Sembra che nessuno si occupi di questo problema: esiste una vita prima della morte? Eppure l’esperienza mi dice che sono proprio coloro che non sanno cosa farsene di questa vita a essere tanto preoccupati di sapere cosa se ne faranno di un’altra vita […]
Sapete cos’è la vita eterna? […]
L’eternità è qui e ora”

Non è nello ieri o nel domani, non è nel prima o nel dopo.

L’eternità è adesso nella profondità dell’attimo. Vivere la vita eterna significa vivere il presente. Accorgersi di quello che contiene.

La gratitudine si nutre di bellezza da cogliere ed accogliere

Vivere nell’attimo presente permette di cogliere e accogliere la profonda bellezza che risiede in ogni cosa e le conferisce un’immensa ricchezza infinita.

Se non ci alleniamo a vivere il presente, a osservare in profondità ciò che abbiamo e che viviamo, a fermarci per godere della ricchezza che abbiamo, non potremo mai sperimentare la gratitudine e sentiremo mancare sempre qualcosa.

Sentiremo la vita sfuggirci e cercheremo sollievo nella speranza di una vita eterna che invece ci stiamo lasciando sfuggire.

Credo che la canzone che Niccolò Fabi ha dedicato proprio al tema della bellezza, esprima molto bene il senso di ciò che ho appena detto.

Sai che il giorno s’impara
ed è subito sera salutiamoci
Sai che chi si ferma è perduto
ma si perde tutto chi non si ferma mai

Sai che è ben poca certezza
ma spesso consola e rischiara
è profumo e candela la bellezza

Sai che un fatto convince
più di ogni pensiero tocchiamoci
Sai che chi di notte non dorme
consuma più in fretta il tempo che ha

Non si smette di fumare
in un giorno qualunque
anche il vuoto si apprezza
è meraviglia perversa la bellezza

eppure ci manca sempre qualcosa
in fondo ci manca sempre qualcosa

sai che c’è chi non si ferisce
ma s’infastidisce soltanto
così vedere una stella di giorno
come un’ombra di notte salva dalla realtà

sei di passaggio godi il tuo turno
anche se c’è chi disprezza
è un’amante fedele la bellezza

eppure ci manca sempre qualcosa
la vita è una corsa meravigliosa
eppure ci manca sempre qualcosa

Il segreto in tutto questo è allenarsi a restare nel presente perché quella di cogliere ogni meraviglia per lasciarla entrare e scivolare in fondo al cuore, è una capacità che si sviluppa e ci porta ad essere grati ad ogni cosa che accoglieremo.

Guardare le cose di sempre con occhi sempre nuovi

gratitudine-dettagli

Quando ho visto il video che ti ho mostrato prima, la mia attenzione è subito finita sull’osservare quello che c’era scoprendo immediatamente il gioco.

Tempo fa non credo proprio ci sarei arrivata così facilmente perché non ero abituata a guardare a quello che c’è e non sapevo cosa fosse la gratitudine.

Il rifugio mi ha davvero aiutato molto a scoprire e coltivare questa emozione.

Fin da subito la montagna aveva saputo rapirmi, ma presto aveva cominciato ad essere scontata.

Consideravo vecchio ciò che vedevo, ma non capivo che l’unica cosa ad essere davvero vecchia erano gli occhi con cui guardavo.

Quando ho capito, ho cominciato a rallentare, fermandomi ad osservare con l’obiettivo di scoprire ogni cosa e ogni dettaglio. Quando ho fatto quel passo, ho cominciato a osservare in profondità, concentrata solo sul presente.

È stato allora che le cose di sempre hanno cominciato a diventare meravigliosamente nuove ad ogni sguardo.

La gratitudine che riuscivo a provare alimentava quella fame di osservare di nuovo lo stesso fiore, la stessa alba, di annusare lo stesso profumo della terra dopo la pioggia e di ascoltare il silenzio così vuoto da essere esageratamente colmo di significato.

Consapevoli di se stessi per essere grati alla vita

vena d'oro

Quando impari ad accorgerti della realtà, a cogliere l’essenza delle cose, poi cominci a vedere anche te stesso, o te stessa.

E’ stato quando ho fatto questo passaggio, che ho cominciato a notare quello che sentivo e me stessa. I miei movimenti, le mie emozioni e i miei pensieri più profondi, le mie sensazioni fisiche e lo stesso mio battere del cuore.

E’ stato così che ho cominciato ad accorgermi del segno che lasciavo ad ogni azione e quello che non lasciavo ad ogni non azione.

Ho cominciato ad essere consapevole della mia stessa presenza nel mondo, di esistere, di esserci.

Ho cominciato ad accorgermi che ero io a dare valore di ogni attimo riconoscendo ciò che conteneva. E dire grazie.
Ho cominciato ad accorgermi dell’importanza di me stessa che dando valore a ciò che gratificavo, mi permettevo di goderne. E dirmi grazie.

Senza di te, nulla avrebbe il valore che gli dai!

E così ho cominciato a guardarmi dentro per vedere a fondo cosa avrei trovato. Senza giudizio, solo per capire.

Ho cominciato a farmi domande, senza accontentarmi di quello che trovavo, scavando, andando fino in fondo, fino all’ultima risposta.

Ho cominciato a conoscermi in profondità e diventare davvero consapevole di me stessa.

Il diario emotivo è stato uno strumento davvero prezioso in questo processo di consapevolezza alla scoperta della gratitudine per la vita.

Capire le mie paure le ha fatte sgretolare sotto i miei occhi, i problemi hanno trovato soluzione e intanto ho trovato una vena d’oro inesauribile da condividere col mondo per renderlo migliore.

Tutto questo è ciò che ho fatto e che ancora faccio ogni giorno trovando il senso profondo che ha vita.

Quando vedi, quando ti vedi, cominci a cogliere l’essenza di ogni piccolo passo che compi. Senza perderti in un risultato da ottenere domani, ma accorgendoti di ciò che hai già fatto ora.

L’hai fatto tu. C’è, devi solo guardarlo e goderne.

La gratitudine per ogni piccolo risultato che ottieni è la base su cui costruire il prossimo.

Come potresti mettere un mattone su quello precedente se nemmeno ti accorgi che c’è?

E così, mattone su mattone costruisci una vita fatta di meravigliosi attimi vissuti.

Riassumendo: cosa significa imparare le gratitudine

gratitudine-stare bene da soli 1

Come ti ho detto fin qui, per provare gratitudine devi imparare a guardare tutta la realtà.

Non devi convincerti di nulla, puoi vedere le cose negative, ma devi vedere anche quelle positive, puoi vedere quello che manca, ma devi darti la possibilità di vedere anche quello che c’è.

Devi ammettere che esiste, anche se a volte è difficile mollare la presa per via di ciò che abbiamo imparato.

Guardare a tutto quello che hai e a quello che non hai, significa vedere i tuoi errori, ma anche ciò che non hai sbagliato; le sconfitte, ma anche le vittorie; i problemi che non hai risolto, ma anche ogni soluzione che hai saputo trovare.

Significa essere grati a tutto quello che va bene e lavorare su quello che ancora non funziona.

Significa essere grati a se stessi proprio per ogni piccolo successo conquistato in questo modo.

Si tratta di guardare le cose per quello che sono, senza giudizio.

Niente giusto o sbagliato, solo la realtà.

Se non lo faremo ci priveremo di una fetta di verità e sentiremo sempre mancare qualcosa.

Finiremo per avere bisogno degli altri perché soli ci sentiremo persi, insoddisfatti, svuotati e annoiati.

Penseremo che loro invece sapranno arricchirci con la loro presenza e rendendo varia la nostra vita, occupandone una parte nel tempo e nello spazio.

Ma se impariamo a guardare a quello che abbiamo proprio mentre siamo soli, a trovare e godere di tutto osservando la realtà con occhi sempre nuovi, allora non soffriremo più quel senso di vuoto e non avremo più bisogno di nessuno.

Saremo noi a darci la ricchezza di cui abbiamo bisogno perché semplicemente ci accorgemo di esserne costantemente immersi.

Non avremo più paura di rimanere soli, ma scopriremo davvero cos’è la libertà e ci accorgeremo che già ci appartiene.

5 spunti pratici e concreti per scoprire e allenare la gratitudine

A questo punto non mi resta che offrirti alcuni consigli pratici e concreti che ti permetteranno di immergerti nella profondissima e magnifica emozione di gratitudine per migliorare davvero la qualità della tua vita 🙂

#1 Vedere positivo e ciò che abbiamo

vedo positivo

Imparare a colorare la vita di pensieri positivi sarà davvero prezioso per imparare la gratitudine.
E vedere le cose positive è il primo passo, ma anche il più importante per imparare a notare la vera consistenza della realtà.

Vedere le cose positive significa osservare consapevolmente ciò che ci circonda e che per qualche motivo è positivo per noi.

Potrebbe esserci utile per qualcosa di pratico, può trattarsi di un ricordo o potrebbe essere qualcosa che ci piace per il suo aspetto, il suo profumo, la sua consistenza o altro ancora.

Puoi essere qualunque cosa che in qualche modo è in grado di migliorarci la vita soltanto per il fatto che esiste. Qualcosa di cui noteremmo la mancanza qualora non ci fosse.

A volte può essere impegnativo trovare ciò che per noi è positivo, perché siamo abituati a fare l’opposto.

Ma immagina se improvvisamente scomparisse tutto.

A quel punto pensa a ciò di cui noteresti l’assenza.

Come nel gioco delle carte del video che ti ho proposto, ci viene molto facile cercare ciò che ci manca.

Così puoi usare questo trucco per accorgerti di ciò che invece hai 😉

Ma esistono diversi altri modi per vedere quello che hai.

Puoi immaginare cosa vedrebbe un senzatetto entrando in casa tua, oppure, se proprio fatichi molto a vedere le cose positive, potresti cominciare a fare un elenco di ciò che consideri meno negativo descrivendo anche il motivo per cui ritieni quella cosa meno negativa delle altre.

Da ora prova a fare questo semplice esercizio per alcuni giorni trovando una cosa positiva ogni ora.

Scrivila da qualche parte e aggiungi la successiva fino a creare una tavolozza piena di cose positive che riempiranno la tua vita di colore. Quella da cui potrai attingere nei momenti in cui potrebbe sembrarti tutto nero, semplicemente tornando a rileggere ciò che tu stesso, o tu stessa hai scritto 😉

#2 Lati positivi

Il passo immediatamente successivo a vedere le cose positive, è quello di imparare a trovare il lato positivo anche nelle situazioni che consideriamo negative.

Lati positivi

La realtà è fatta di entrambi, anche se talvolta sembrerebbe impossibile trovarci qualcosa di buono.

Capiterà infatti che una situazione di per sé appaia negativa, ma possiamo sempre cogliere un insegnamento, piccolo o grande che sia, e trasformare quella cosa negativa in qualcosa di utile e positivo. Spesso molto utile e molto positivo 🙂

Non è mai ciò che accade a definire se una cosa è positiva o negativa, ma il modo in cui la utilizziamo.

Dipende solo da noi. Siamo liberi e abbiamo la responsabilità di usare al meglio ogni cosa o situazione.

Per allenarti a trovare i lati positivi puoi partire anche da piccole e semplici cose.

Ricordo, ad esempio, che quando io guardando il bosco di castani dietro casa, vedevo qualcosa che stonava. Osservando meglio, avevo notato che ciò che consideravo negativo era un pino che toglieva l’uniformità di colore alla grande macchia verde chiaro delle altre piante.

Guardando bene però, avevo trovato il lato positivo di quel pino nel fatto che, proprio grazie ad esso le piante circostanti risaltavano di più. Erano valorizzate proprio grazie alla presenza di quell’elemento che avevo considerato negativo.

Come vedi non serve allenare la capacità di trovare lati positivi in cose o situazioni molto impegnative, ma puoi partire da cose semplicissime per sviluppare un modo di guardare alla realtà che diventerà spontaneo anche nei momenti in cui farlo sarebbe più difficile 😉

#3 Soli con se stessi

gratitudine_stare bene da soli

Stare con gli altri è certamente positivo, ma lo è davvero solo se siamo in grado di bastare a noi stessi e perché questo sia possibile è necessario imparare a conoscerci a fondo, riflettere su noi e su ogni evento o situazione.

E’ necessario imparare ad ascoltare quanto di più profondo abbiamo e osservare i nostri pensieri.

Per conoscere noi stessi in modo profondo è utilissimo prenderci del tempo in cui isolarci completamente da tutto e da tutti, totalmente privi di qualunque possibile distrazione.

Noi soli con noi stessi.

Fare silenzio nella nostra mente e semplicemente ascoltarci.

Questo esercizio, soprattutto se fatto immersi nella natura, permette di arrivare a un’auto-conoscenza profonda e ritrovare il rapporto più vero col mondo in cui siamo immersi, privi di ogni condizionamento.

All’inizio non sarà semplice perché i pensieri e le distrazioni arriveranno a disturbarci, ma con la pratica e facendo sempre più silenzio potremo scegliere noi su cosa concentrarci. A quel punto non ci baseremo più sulla percezione dei sensi, ma sentiremo con l’anima ritrovando la vera essenza di noi stessi.

E questo sarà il passo che aprirà le porte a tutta la bellezza che esiste in ogni cosa, sarà quello che ci aprirà a commuoverci per le cose più semplici, anche quelle apparentemente scontate banali.

#4 Cogliere la bellezza

gratitudine_1

Puoi spalancare le porte del tuo cuore e liberarti da ogni condizionamento per lasciare entrare ciò che esiste, ma puoi anche allenarti a cogliere la bellezza impegnandoti a cercarla nei dettagli.

Puoi osservare sempre più profondamente, come se i tuoi occhi avessero una lente capace di ingrandire all’infinito per vedere dettagli sempre più piccoli, ma profondamente grandi.

E lasciarti stupire dalla meraviglia di cui di solito non ci accorgiamo nemmeno 🙂

C’è una famosa frase di Emerson che mi è sempre piaciuta molto e che trovo molto vera: “la bellezza è negli occhi di chi guarda”.

Così la natura resta ancora il luogo in cui sarà più semplice allenarci a coglierla, ma la bellezza si trova in ogni cosa, in un volto o un movimento, nella tessitura di una tela o nella superficie del terreno, nel calore che percepiamo toccando qualcosa o nel riflesso della luce su un oggetto qualunque.

Uno modo molto efficace per imparare a cogliere la bellezza è quello di fare fotografie che la ritraggano laddove non penseresti potrebbe esistere.

Si tratta ancora di trovare il lato positivo nelle cose cogliendo, però, quel particolare capace di cambiare completamente la percezione che ne abbiamo nel complesso.

Esattamente come ho fatto io fotografando un’insignificante e comunissima erba secca, in una grigia giornata piovosa. Quella che vedi nella foto sopra 🙂

Ti consiglio di fare questo semplice esercizio una volta al giorno, meglio se lo farai all’inizio della giornata.

Non servono grandi cose, sarà sufficiente la fotocamera del tuo telefono 😉

#5 Una cosa per volta

una cosa per volta

Per trovare la profondità di ogni cosa e di ogni attimo e vedere tutto quello che contiene, oltre a ciò che appare in superficie, è necessario rallentare, ma soprattutto fare una sola cosa per volta.

E’ vero, a volte la vita non ci permette di fare una cosa per volta, abbiamo mille impegni e non possiamo fare a meno di essere multitasking e tenere ritmi serrati per essere al massimo dell’efficienza.

Ma programmare in questo modo il nostro tempo diventa facilmente un’abitudine e molte volte, anche se potremmo fare diversamente, non lo facciamo.

A questo punto sarà necessario scegliere di gestire diversamente il nostro tempo creando abitudini più utili e costruttive, almeno quando possibile farlo, magari organizzando meglio le nostre giornate e dicendo qualche no.

Non sarà semplice all’inizio creare nuove abitudini e spesso dire di no non ti riuscirà immediatamente, ma puoi cominciare da una cosa al giorno.

Scegline una e organizza il tuo tempo in modo da non rischiare di doverla interrompere o sovrapporre ad altro.

Trova il modo, so che che non è facile, ma una cosa la puoi trovare di sicuro 😉

E fai quella cosa con calma, cura e attenzione. Falla con totale amore e dedizione, senza pensare ad altro.

Allenando i tuoi occhi a guardare in questo modo, comincerai a farlo sempre più facilmente fino a riuscirci anche in situazioni più impegnative.

Ma soprattutto, ricordi il sasso lanciato sull’acqua di cui ti ho parlato prima?

Bene, ogni cosa che farai in questo modo sarà uno di quei sassi.

Quando comincerà a rallentare, finirà per andare a fondo e produrrà dei cerchi che si propagheranno nell’acqua fino ed estinguersi.

Questi sono i cerchi della gratitudine che riempirà il tuo tempo prima e dopo quell’azione.

Così, se imparerai a lanciare tanti sassi nello stesso modo, come l’acqua si riempirà di cerchi, la tua vita si riempirà di gratitudine che avvolgerà anche i momenti in cui non sapresti trovarne.

Allenati ad applicare questi 5 consigli.

Imparando a vivere nel momento e nelle cose, imparerai a vedere ogni minuscolo istante riuscendo da accorgerti di quello che c’è anche quando sarà inevitabile fare contemporaneamente più cose.

E a quel punto non ti servirà più niente. Soltanto esistere 🙂

TI PIACE QUELLO CHE SCRIVO?

Iscriviti GRATIS alla mia newsletter!

Condivido molti temi tratti da spunti di vita quotidiana e non solo. Riceverai consigli utili e ogni novità per la tua crescita personale. Avrai fin da subito il mio supporto gratuito attraverso risposte esaurienti ai tuoi commenti agli articoli e alle tue mail.

Comincia fin da ora, scopri chi sei e prendi in mano la tua vita!

Get Free Email Updates!

LASCIA IL TUO CONTATTO QUI SOTTO

Accetto il trattamento dei miei dati secondo le vigenti norme sulla privacy Privacy Policy

Puoi annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè pagina delle nostre e-mail

Serena Sironi
Serena Sironi
Architetto di formazione e gestore di un rifugio alpino, mi sono avvicinata alla crescita personale nel 2007. Da allora è cominciato quel percorso che mi ha permesso di rinascere scoprendo davvero chi sono e diventando più forte di ogni problema. Dal 2017 metto a disposizione la strada che ho percorso per prima a chi si affiderà a me come Mental Coach, anche grazie al particolarissimo ambiente del rifugio
Ricevi aggiornamenti
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

15 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Antonella
Antonella
Settembre 30, 2020 3:59 PM

Fatto tutto! Non ho avuto bisogno di rivedere più volte il video per scoprire il trucco .m è bastata una sola volta per capire che mancavano tutte le altre figure e determinare l assenza di qualsiasi carta si svegliesse. Ho imparato credo abbastanza bene a osservare la realtà. Ciò che c’è e ciò che manca . Con calma e attenzione . Guardo e osservo tutto sempre con occhi nuovi .come dici e suggerisci. Sicuramente tutto sempre da migliorare. Ma penso di saperlo fare abbastanza bene al punto di concentrarmi su tutto . Ciò che c’è e ciò che manca .… Leggi il resto »

Antonella
Antonella
Ottobre 1, 2020 6:01 PM
Reply to  Serena Sironi

Serena , ma cosa me ne importa a me di essere ricordata ?! Ricordata !!! Figurati !!! Bah Lasciare un segno … ? Mi basterebbe intanto vivere oggi un senso ….
E forse riuscirò anche a lasciare un misero segno .
Scusa ma mi sento ancora persa .
Buona serata

Antonella
Antonella
Ottobre 1, 2020 9:18 PM
Reply to  Antonella

( un mio commento che forse avrai letto ultime news Giacom) Cara Deborah. Innanzitutto grazie per il tua attenzione e la voglia di esprimere il tuo pensiero . Vorrei che si capisse il mio intento a conoscere capire e comprendere e non assolutamente a trovare ragioni inutili . Detto questo penso tu abbia in qualche modo centrato o quanto meno ti sei avvicinata al punto . Credo fermamente che la natura in genere sia fatta di un dare avere .. inevitabile penso . Lo stesso fiore sboccia grazie al valore dei raggi del sole , la stessa marea cambia con… Leggi il resto »

Antonella
Antonella
Ottobre 3, 2020 1:53 PM
Reply to  Serena Sironi

Ciao Serena . Grazie per la risposta. “Tu pensi di esserlo? Pensi di essere integra e coerente?” Evidentemente no, non sono integra e coerente a sufficienza. Io non so poi che cosa vedono di me gli altri … Potrebbe non corrispondere a ciò che è, nonostante integrità e coerenza , perché preferiscono vedere ciò che fa più comodo . Vedono quello che vogliono vedere e , quando non corrispondo a ciò che vorrebbero vedere , a ciò che vorrebbero facessi , si allontanano . La gente è così. Egoismo ? Paura ? Ok Probabile anche non riesca nemmeno ad essere… Leggi il resto »

Antonella
Antonella
Ottobre 3, 2020 2:35 PM
Reply to  Serena Sironi

Se l’altro si allontana non potrò offrirgli il mio aiuto, ma concedere libertà, amore, comprensione, continuare a fidarmi di quella persona nonostante tutto, perdonarla…
CERTO CHE È AMORE QUESTO .
MA A ME MANCA IL
PERDONARE.!!

NON CI RIESCO .
NON RIESCO A PERDONARE A CHI MI HA INGANNATO , FERITO E CONCESSO UNA FALSA FIDUCIA .

Cavolo Serena….

Trovare una persona che sinfisi veramente di te che ti conceda fiducia vera …

Non sono un camaleonte e non voglio esserlo ma non capisco perché è così difficile amarmi

Antonella
Antonella
Ottobre 4, 2020 8:36 AM
Reply to  Serena Sironi

Se non ami te stessa, molti avranno paura a concederti fiducia perché prima di tutto, davanti ai loro occhi, vedranno il bisogno di difendersi da ciò che temono. Insomma, adecco va a finire così . Non ricevo fiducia a causa mia ! Un circolo vizioso . Il non ci credo a quello che hai appena scritto. Sono più convinta della prima cosa che hai scritto … Non sanno amare ma non credo proprio a causa del mio non sapermi amare , posto che sia così . Posso amarmi quanto ti pare , e sprigionare gioia felicità serenità benevolenza sorrisi forza… Leggi il resto »

Mirian
Mirian
Settembre 30, 2020 7:40 AM

Mi ha colpito molto il concetto di lasciare o non lasciare un segno con le nostre azioni!! In effetti l’autoconsapevolezza mi aiuta a compiere gesti che possano avere ricadute positive su cose e persone che ho intorno!!

dario
dario
Settembre 29, 2020 7:45 PM

Ehi Serena. Ho visto la newsletter allora volevo lasciarti un commento. Io seguo un corso all’engim di aiutante manutentore aree verdi e avevamo fatto così gli ultimi giorni prima dello stage in azienda. Buttare i sassi sul lago artificiale dell’engim di Chieri. Non so se si potrà fare ancora e volevo chiederti se serve per non portare più paura che io me la prendo di nuovo su tutto che è quel che mi succede. Riesci a dirmi qualcosa di più?

15
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x