CRESCITA PERSONALE & NATURA

Vuoi SCOPRIRE CHI SEI veramente
liberandoti da ogni insicurezza e paura?


Se vuoi imparare ad essere più forte di tutto ritrovando
la gioia di vivere e di esprimere chi sei con entusiasmo…


Se lo vuoi fare con un’ESPERIENZA UNICA in un contesto straordinario
che unisce crescita personale e natura


…ho qualcosa che fa proprio per te.
---
Un programma di Coaching integrato con un’esperienza di Crescita Personale in montagna
 al Rifugio Griera.

Hai capito bene! Ti sto proponendo un'esperienza unica presso il rifugio Griera.

Una vacanza alternativa in montagna unica nel suo genere, un percorso alla scoperta di te stesso, o te stessa! :D

Puoi prenotare UN INCONTRO GRATUITO con me per valutare insieme se è quello che fa per te.
Risponderò ai tuoi dubbi e domande e vedremo insieme il periodo esatto in cui potresti decidere di partecipare a questa avventura (sono flessibile!).

Ma prima lascia che ti spieghi...

Rifugio Griera

Il rifugio “Griera vecchia” è collocato a Pagnona, in provincia di Lecco, nello splendido contesto naturalistico del monte Legnone a quota 1734 metri di altezza.

Adatto ad escursionisti di ogni livello, offre un panorama mozzafiato su laghi di Como e Lugano e splendida vista sulla Valsassina oltre ad essere un ideale punto d'accesso per la vetta del Monte Legnone.

Chi è serena sironi ?

Ho iniziato il mio percorso di crescita personale nel 2007 per uscire da tutti i problemi e il malessere che mi portavo dietro dal passato e condizionavano pesantemente il mio presente.


Quando ho ritrovato me stessa, ho scoperto cosa significa essere veramente felici e ho capito che tutto questo sarebbe stato sprecato se lo avessi tenuto solo per me.


E così…


Dal 2018 ho cominciato ad aiutare gli altri a percorrere la stessa strada che avevo percorso per prima.


Il rifugio ha giocato un ruolo determinante nel percorso per diventare più forte di tutto.


Ecco perché ritengo che il progetto al rifugio sia la risorsa più potente che ti potrei offrire.

Il nostro programma

Tre (o due) settimane di esperienza sul campo al rifugio Griera

Il rifugio Griera è il rifugio alpino che gestisco ormai dal 2010, ma più di tutto è ciò che ha veramente dato una marcia in più al mio percorso di crescita personale aiutandomi a realizzare tutti quei cambiamenti che mi hanno permesso di rinascere mentre scoprivo chi sono veramente.
E’ per questo che voglio condividere con te la strada che ho percorso per prima e che già hanno percorso con successo molti partecipanti delle scorse edizioni del progetto! 😀

Osservando l’esperienza degli anni precedenti, ho capito che il periodo ideale per fare l’esperienza sul campo è di tre settimane. Lo considero ideale perché consente un lavoro ordinato e graduale per trarre il massimo dell’efficacia dal percorso.
In casi di particolare necessità è anche possibile optare per un percorso più breve,  ma non inferiore a due settimane.

Nei giorni in cui sarai al rifugio ti farò fare esperienza dandomi una mano come aiutante tuttofare.
Potrai infatti calarti nel ruolo di un vero rifugista divertendoti a sperimentare le varie attività di questo lavoro davvero originale e imprevedibile.
Sfrutteremo tutte le potenzialità specifiche dell'attività e dell'ambiente naturale come opportunità per crescere in ogni area della tua sfera personale.

Il mio obiettivo è quello di aiutarti a SCOPRIRE CHI SEI e diventare più forte, libero, o libera e consapevole.

Voglio guidarti nel superare ogni insicurezza e paura che ora ti blocca, imparando ad esprimere chi sei con gioia ed entusiasmo, ritrovando e costruendo ancor più fiducia in te stesso, o te stessa.

Voglio offrirti la strada per diventare veramente più forte di ogni problema che la vita potrebbe mettere sulla tua strada!

Il periodo in cui potrai partecipare all’esperienza sul campo al rifugio avrà inizio il 17 di giugno e terminerà il 24 settembre.
In questo periodo potrai scegliere le settimane più adatte alle tue esigenze.

Sarà un periodo di lavoro intensivo su di te in cui, al confronto con me, potrai affiancare quello con il tuo compagno di percorso. Con lui potrai condividere ogni esperienza, dubbio, difficoltà e progresso.

Voglio seguirti veramente al meglio, per questo ho previsto un massimo di due partecipanti in contemporanea.
E potrà anche capitare di trovare al tuo fianco anche chi ha già partecipato che ti offrirà il suo supporto!
Ti aiuterà a crescere, mentre tu starai offrendo a lui, o lei l'opportunità di migliorarsi ulteriormente.

Nessuno sarà solo in questo viaggio, ma saremo una squadra e lavoreremo insieme per raggiungere lo stesso obiettivo: scoprire chi siamo.

Perfetto, ma cosa faremo praticamente in questi giorni al rifugio?

Sfrutteremo le varie attività strettamente connesse alla gestione del rifugio per aiutarti a migliorare attraverso ogni occasione che si potrà presentare.
Ma ci saranno anche momenti in cui confrontarsi e altri liberi che potrai gestire a tuo piacimento.

Questo periodo sarà come avere una lente d'ingrandimento su te stesso, o te stessa.
Un periodo in cui ci manterremo in costante osservazione sulle tue emozioni, che scoprirai essere la manifestazione più esteriore di ciò che più profondamente ti appartiene, ma ti aiuterò anche a progettare nuovi obiettivi per crescere e migliorare ogni giorno e ci dedicheremo anche ad un continuo lavoro di osservazione dei tuoi progressi e dei tuoi errori.

Un lavoro costante e continuo per conoscerti e migliorarti.

Non solo però, presteremo particolare attenzione al tuo modo di vivere ogni situazione che ti si potrebbe presentare.

Il nostro obiettivo sarà quello di trasformare ogni atteggiamento di chiusura, che potrebbe impedirti di esprimerti facendo uscire chi sei veramente, in un atteggiamento di apertura che ti aiuterà a tirate fuori il meglio di te per scoprirlo ed esprimerlo al mondo, per accogliere tutto il buono e dargli valore, per trasformare ogni cosa negativa in una preziosa opportunità per crescere e migliorare. 

Ma ora vediamo più precisamente in cosa consisterà questa avventura 😀

Devi sapere che per sua stessa natura le attività di ogni rifugio sono soggette ad un alto grado di imprevedibilità e così anche le giornate, che si svolgono secondo l'afflusso dei clienti.
Questo ti aiuterà a sviluppare flessibilità, creatività e capacità organizzativa.
Imparare a trovare soluzioni, al rifugio diventa una vera parola d’ordine 😀

Ma in ogni giornata sono comunque rintracciabili dei momenti tipici che ruotano prevalentemente intorno all’orario del pranzo.

Il pranzo...

Questo orario di solito è compreso tra le 12.00 e le 14.30 e si tratta di un momento particolarmente ricco di stimoli.

Insieme agli altri ragazzi, ti dedicherai al servizio ai tavoli che a volte sarà molto tranquillo e rilassato, mentre altre, quando l’affluenza sarà nel pieno come nei giorni del fine settimana, i ritmi potranno essere piuttosto intensi.
Questo ti aiuterà a migliorare la tua
 capacità organizzativa e di concentrazione.

E rendere forte la tua mente è un aspetto di importanza fondamentale per prendere il controllo sulle tue emozioni e con esse sulla tua vita per intero.

Confrontarti con la paura del giudizio, imparare ad esprimerti superando ogni insicurezza o paura e acquistando maggiore fiducia in te nell’ambito delle tue relazioni, sarà qualcosa su cui questo momento ti offrirà ampi spunti su cui lavorare insieme.

Ma sarà anche un momento speciale per dedicarti con cura alle persone imparando a servirle con un sorriso sincero e ad ascoltarle veramente per comprenderle.
Scoprirai quanto questo possa essere prezioso per loro, ma ancora di più per te.
E sull’espressione di te lavorerai anche nella fase che precede il pranzo come in molti altri momenti della giornata.

Esprimere te stesso, o te stessa infatti non significa solo “parole”, ma vuol dire tirare fuori chi sei veramente in ogni modo possibile.

Momenti magici in cucina!

Lavorare al mio fianco in cucina, magari aiutandomi nella preparazione di torte, pasta fresca e altro ancora che potrai anche imparare a preparare in totale autonomia, ti darà modo di esprimerti nella tua creatività e manualità.
Ma i momenti in cucina saranno speciali anche per la condivisione e il confronto con me e con gli altri partecipanti.

Dove dormirai (e con chi! )...

E lo stesso succederà grazie alla condivisione della stanza con me e i tuoi compagni di viaggio. Dormiremo infatti in un’unica stanza riservata a noi. Ottimo per superare i limiti della comodità, ma anche per condividere momento seri o giocosi.
Momenti speciali in cui ridere e scherzare, ma anche momenti perfetti per ascoltare ed ascoltarsi.


Il tempo in compagnia di te stesso

Ascoltare te stesso, o te stessa è fondamentale per scoprire chi sei e proprio per questo ci saranno momenti di ampio respiro in cui fare due passi in solitaria nella natura, magari approfittando della raccolta di erbe spontanee da usare in cucina che ti insegnerò a riconoscere.
Ma potrai anche dedicarti a te stesso, o te stessa per leggere, riflettere, meditare se vorrai. O qualunque altra cosa potrebbe interessarti o venir fuori dal percorso che faremo insieme.

Televisione no però! A quella non ti potrai dedicare😉
Non c’è, come non ci sono le altre comodità a cui siamo abituati e a cui spesso deleghiamo il nostro tempo o le nostre incombenze pratiche😉

Il rifugio ti “costringe” a una vita piuttosto spartana e l’assenza delle comodità della vita quotidiana è la perla per scoprire te stesso, o te stessa senza distrazioni e imparare a cogliere tutto quello che c’è e che invece non vedi quando sei immerso, o immersa nel marasma della quotidianità.
Nell’essenziale riconosci la pura bellezza delle cose e il piacere di fare tu ciò che solitamente è scontato che arrivi dalle comodità a cui siamo abituati.

Il gusto e il divertimento di lavare a mano la biancheria (e no, niente lavatrice!), il sapore del cibo preparato con le tue mani e con gli ingredienti che raccoglierai nella natura o che proverranno dall’attività dell’alpeggio sottostante al rifugio.
Il calore di una stufa riscaldata dalla legna raccolta nei dintorni.
La gratitudine che nasce dalla natura mentre lei ti offre i suoi frutti e tu ti prendi cura di lei raccogliendo con rispetto ed equilibrio.

Tutto questo si svolge in un ambiente colmo di silenzio in cui potrai godere della natura, contemplando le albe e i tramonti, la vegetazione spontanea, gli animali selvatici e dell’alpeggio sottostante.

E la cena in famiglia…

Nient'altro e nessun altro a parte gli avventori nel momento del pranzo e in altri momenti occasionali, come la sera quando capiterà di avere ospiti per la cena, momento di grande intimità e calore in cui è facilissimo sentirsi “in famiglia”.
Questo silenzio e questa dimensione sono perfetti per ascoltarti veramente e, nella quiete totale, ritrovare te stesso, o te stessa
senza tutto il rumore di fondo della vita quotidiana.

Diversi partecipanti alle precedenti edizioni del progetto hanno imparato a stare in piacevole compagnia di se stessi, hanno scoperto ciò che di loro risultava invisibile altrove e fatto passaggi determinanti per la loro crescita interiore.
Ma questa condizione di silenzio e totale isolamento metterà in luce anche tutte le piccole o grandi dipendenze della tua vita quotidiana e a cui fino ad ora magari non hai neppure fatto caso.
E questa, insieme a tutto il contesto, sarà un’ulteriore preziosa opportunità per superare i tuoi limiti e le tue paure diventando più forte di tutto.

Preziosi momenti di confronto con me ;)

Ovviamente tutto questo sarà supportato dalla mia presenza attenta e costante unita a momenti di confronto.

I momenti migliori in cui soffermarsi a parlare saranno quelli del dopo colazione fin circa le 10 del mattino, quando si comincia a lavorare alla preparazione del pranzo per i clienti.
Sarà ottimo anche il pomeriggio inoltrato, terminate le operazioni di riordino, oppure alla sera dopo cena.

Non solo però, saranno preziosi per confrontarci anche momenti particolari che trascorrerai con me, come le passeggiate nella natura, quella a caccia di erbe spontanee o dedicati alla loro sistemazione e pulizia, quelli di sistemazione della legna e altri ancora.
Ogni scusa sarà buona per confrontarci e almeno una volta al giorno ci fermeremo a fare il punto sulla tua scheda giornaliera

Questa scheda è uno strumento di autosservazione che userai per tutti i giorni della tua avventura al rifugio e che ti “costringerà” a mantenerti costantemente concentrato, o concentrata sul lavoro da fare su di te.

Insomma, quello che ti sto proponendo è un percorso intenso e continuo che massimizza i risultati che potrai raggiungere.

Ed è importante che tu sappia che il lavoro potrà talvolta essere molto stancante e impegnativo, ma che anche questo aspetto servirà per farti crescere e diventare più forte mettendoti alla prova per imparare a conoscere i tuoi limiti e le tue qualità.

La caratteristica che rende UNICA E SPECIALE questa esperienza nel suo complesso è proprio l'esperienza di te stesso, o te stessa attraverso un'attività e un contesto molto particolari e grazie al mio costante affiancamento e supporto al tuo lavoro personale.

Ma tre settimane per ottenere tutto questo ancora non bastano.
Allora lasci che ti mostri come ti preparo e come ti aiuterò a portare a casa ogni tuo cambiamento.

Per cominciare ti offro oltre due mesi di preparazione preliminare per darti il massimo della possibilità di vivere pienamente l’esperienza al rifugio traendone tutti i possibili vantaggi.

Ti propongo infatti un mese di Coaching preliminare e 5 settimane di Sfide

Per portare a casa tutto questo ed integrandolo al meglio con la vita che ritroverai al tuo rientro, ti offro anche 2 ulteriori settimane di Coaching.

Ora ti spiego per bene.

Un mese di Coaching per iniziare

Prima della tua esperienza al rifugio, ti accompagnerò per un mese in un percorso di Coaching che svolgeremo con un confronto scritto pressoché quotidiano e incontri settimanali via Skype.
Questo ci servirà per iniziare il lavoro su di te e comprendere come gestire al meglio il tempo successivo.

Inizieremo dalle tue emozioni e comincerò a darti le nozioni e gli strumenti base per comprenderle e cominciare a gestirle.

Passeremo quindi a comprendere a fondo il motivo per cui provi emozioni negative e cominceremo a trasformarle in positive affrontando ogni specifica situazione.

Individueremo, infine, i punti principali su cui lavorare nella fase successiva che si svolgerà al rifugio.

Le Sfide!

A partire dal mese di maggio, per 5 settimane riceverai due Sfide a settimana da svolgere nel contesto della tua vita quotidiana.
Quando parlo di Sfide mi riferisco a qualcosa che ti possa stuzzicare e motivare nel migliorarti e superare i tuoi limiti confrontandoti con qualcosa di nuovo.

Con l’aiuto di Matteo (leggi chi è), che potrebbe capitarti di incontrare al rifugio, ho studiato Sfide specifiche per prepararti al meglio a questa esperienza.

Ogni Sfida avrà un contenuto che ti permetterà di comprendere a fondo l’obiettivo da raggiungere e una parte in cui ti spiegherò esattamente cosa dovrai fare dal quel momento fino alla prossima Sfida.

Per ogni Sfida avrai uno spazio riservato in cui potrai condividere i tuoi successi, dubbi e difficoltà. Qui troverai le mie risposte e l’esperienza condivisa dai compagni di viaggio.
Potresti trovare le condivisioni di chi potresti incontrare dal vivo al rifugio, ma anche quelle di chi ha già sperimentato tutto questo e che parteciperà nuovamente al programma di Sfide :)

Insomma, puoi considerare queste Sfide come un aperitivo di questo progetto molto speciale e tutto da vivere!

E per finire 15 giorni di Coaching

L’ambiente in cui si svolgerà l’esperienza scoprirai essere molto particolare e lontano dall’ordinaria realtà quotidiana.
Proprio per questo ti voglio dare un supporto ulteriore, proseguendo con due settimane di coaching per aiutarti a portare i miglioramenti che hai ottenuto al rifugio nei tuoi normali ritmi quotidiani.
Svolgeremo questo ulteriore periodo di Coaching a partire dal mese di ottobre, al termine della stagione estiva al rifugio.

Ci sono tantissimi strumenti di crescita personale e sono tutti utilissimi! Ma non bastano…

  1. 1
    Libri

    Potresti leggere libri davvero interessanti e costruttivi, ma il contenuto di ogni libro non può che essere teorico e generico essendo creato per essere letto da tanti.
    Viverlo e applicarlo interpretandolo correttamente può essere davvero impegnativo e molti concetti finiscono per perdersi o restare una bellissima teoria.

    E cosa te ne fai di sapere tante belle cose, se poi la tua vita resta quella di prima?
  2. 2
    Percorsi di crescita personale

    Coi corsi di crescita personale le cose migliorano un bel po’.
    Ci sono corsi ben strutturati e con tanti aspetti pratici che puoi applicare per crescere e migliorare, ma si tratta pur sempre di un corso per tanti e ci saranno aspetti che potrebbero non corrispondere o risultare inadatti alla tua situazione attuale.


    Magari avrai anche un supporto personale aggiuntivo e se ti impegni otterrai di certo qualche risultato.


    Ma se ti perdi in cose generali e poco aderenti alla tua realtà attuale, davvero darai una spinta decisiva alla tua vita?
  3. 3
    Percorsi di Coaching

    Le cose cambiano decisamente con un percorso individuale di Coaching costruito proprio per te in funzione della tua situazione attuale.Per questo mi piace molto aiutare le persone attraverso i miei percorsi di Coaching e i risultati parlano chiaro! Ma ancora non basta per cambiare veramente la tua vita.
    Pur approfondendo molto negli incontri, pur lavorando con continuità e col mio costante supporto ogni giorno, restano comunque aspetti che non potrei cogliere, né aiutarti a cogliere, senza vivere a stretto contatto con te.


    Un percorso individuale di Coaching è come capire la realtà guardando una mappa del territorio, la migliore magari, splendidamente realizzata, ma il territorio è un altro!

    E cosa fai se poi scopri che la chiave ai tuoi problemi, quella per dare finalmente una svolta alla tua vita, nonostante tutto non la trovi?

Cosa ne pensa chi ha provato?

Alessandra Bozzo

"Le situazioni non sono più in grado di schiacciarmi"

Francesco Chioda

"La nuova prospettiva da cui ho imparato a stare bene con me stesso"

Jennifer Pagani

"Scoprendo veramente me stessa ho imparato ad amarmi"

Matteo El Khoury

"Capisci davvero quanto contano le piccole cose e molto, molto altro..."

Francesca Terenzoni

"Una lente di ingrandimento su se stessi per scoprire veramente chi sei"

Bonus

1. 

vitto e alloggio gratuiti

(pensione completa per 20 giorni)
valore 1.200 euro

Ti offro vitto e alloggio per l’intero periodo di permanenza al rifugio

2. 

supporto di Coaching continuativo

valore 600 euro

Durante il periodo di permanenza al rifugio avrai il mio supporto costante e momenti di confronto personale ed esclusivo per un minimo di 30 minuti giornalieri, per un percorso continuo che coinvolga tutti i possibili aspetti che potrebbero emergere nella tua vita quotidiana sfruttando ogni singola possibilità di miglioramento

3. 

assicurazione sugli infortuni

valore 70 euro

Disporrai della copertura assicurativa per l’intero periodo di esperienza sul campo

4. 

un mese di Coaching intensivo

valore 280 euro

Un percorso completamente personalizzato con un incontro settimanale one-to-one e un supporto scritto quotidiano, per un lavoro costante e graduale che renderà più solido efficace il percorso

5. 

cinque settimane di Sfide

valore 140 euro

Ti propongo due Sfide a settimana per offrirti ogni volta un’ottima scusa per stuzzicarti a superare i tuoi limiti confrontandoti con aspetti semplici, ma molto potenti, di te nella tua vita quotidiana.
Per ogni Sfida avrai uno spazio dedicato in cui condividere i tuoi dubbi e le tue difficoltà confrontandoti con me e coi tuoi compagni di viaggio, per creare sinergia e una crescita ancora più efficace.

6. 

due settimane di Coaching intensivo

valore 140 euro

Un ulteriore periodo di confronto completamente personalizzato con un incontro settimanale one-to-one e un supporto scritto quotidiano.
Un lavoro costante e graduale per portare casa ogni risultato e cambiamento che avrai costruito nel periodo al rifugio integrandolo al massimo con la tua normale vita di tutti giorni e dando continuità e fluidità alla tua crescita

Ricapitolando...

# Percorso Individuale di Coaching di un mese prima dell'Esperienza sul campo
Programma di Sfide di cinque settimane prima dell'Esperienza sul campo
Esperienza sul campo di tre (o due) settimane al Rifugio
Percorso Individuale di Coaching di due settimane dopo l'Esperienza sul campo
Tutti i BONUS

Un percorso di ben 14 settimane intensivo e ritagliato a tua misura
costerebbe 2.430 euro
e lo sto proponendo a 1200 euro

Tuttavia…

Per me è davvero importante raccogliere prima possibile le iscrizioni per poter gestire tutto con la necessaria calma. Ecco perché...

SE PRENOTI ENTRO IL 31 MARZO voglio riservarti

UN'OFFERTA SPECIALE

a soli 730,00 euro

Potrai effettuare il pagamento nelle seguenti trance:

  • 350,00 euro da versare all'inizio del nostro primo percorso di coaching.
    380,00 euro da versare entro l'inizio del periodo di esperienza diretta al rifugio.


Perché ti chiedo così poco?

Ti sto offrendo qualcosa dal valore decisamente maggiore del prezzo a cui te lo propongo, ma intanto che lavoreremo su di te, comunque mi darai una mano nella gestione del rifugio, ma soprattutto mi permetterai a fare ciò che amo di più: aiutare le persone a scoprire se stesse per crescere e diventare più forti di tutto.


Vuoi sapere se questa esperienza è davvero la cosa che fa per te?

Prenota un incontro GRATUITO e SENZA IMPEGNO su Skype.

Ci conosciamo e mentre risponderò ad ogni tuo ogni tuo dubbio spiegandoti in modo anche più approfondito cosa faremo esattamente al rifugio, potremo discutere insieme di eventuali soluzioni ritagliate su misura per te.

Non aspettare! Il progetto è aperto solo a 12 partecipanti

 

Garanzia

Il percorso che ti propongo prevede due step di pagamento e voglio offrirti una garanzia su entrambi.

  1. Potrai sperimentare una prima settimana di Coaching per capire se posso veramente aiutarti.
    Solo al termine di questa settimana, se penserai che quello che ti sto offro fa per te, effettuerai il pagamento del primo step, altrimenti pagherai soltanto il costo di 70 euro della settimana effettuata e non sarai tenuto a nessun altro pagamento.
  2. Se per qualsiasi motivo non dovessi riuscire a partecipare al periodo di esperienza al rifugio, non sarai tenuto al pagamento del secondo step e potrai comunque partecipare al programma delle Sfide senza alcun costo aggiuntivo

Prenota un incontro GRATUITO e SENZA IMPEGNO su Skype.

Cosa mi chiedono più spesso le persone?

Che tipo di abbigliamento serve al rifugio?

Considerando le varie attività ti consiglio di portare un abbigliamento comodo a cui magari non tieni particolarmente visto che potrebbe rovinarsi.

E’ importante che tu abbia vestiti adatti al caldo, ma anche qualcosa per coprirti nei momenti più freschi. Considera che in montagna potrebbero esserci sbalzi termici considerevoli e anche in estate la temperatura esterna potrebbe scendere intorno ai 10 gradi!

E’ importante che tu abbia scarpe comode e ciabatte per stare in rifugio, oltre a scarponi o scarpe da trekking per muoverti all’esterno.

Devo portare qualcosa di particolare?

Oltre ad un abbigliamento adeguato, dovrai portare le ciabatte e asciugamani.

Inoltre ti consiglio vivamente di portare lenzuola tue (o un sacco lenzuolo da rifugio), altrimenti potrei fornirti lenzuola usa e getta che però sono piuttosto scomode se usate per più notti.

Se usi operatori diversi da TIM o VODAFONE per il tuo telefono, ti consiglio di attivare una scheda a tempo limitato con uno di questi operatori per sopperire alla mancanza di rete cellulare

Posso portare il mio cane?

Se volessi portare il tuo cane, potresti dormire con lui nella stanza che riservo agli ospiti con animali al seguito.

Si tratta di una camera molto spartana, ma con bagno privato (ma senza doccia né acqua calda) e che uso anche come magazzino.

Essendo l’unica stanza in cui ospitare gli amici a quattro zampe, se richiesta dagli ospiti potresti doverti spostare lasciando il tuo cane fuori dal rifugio o potremmo trovare soluzioni su tua misura parlandone nel nostro incontro conoscitivo su Skype.

Posso portare i miei figli o altre persone?

Se la persona che vorresti portare con te partecipa al progetto non ci sono problemi, ma resta da valutare la possibilità di partecipare nello stesso identico periodo.

Se un’altra persona si fosse già prenotata dovrai scegliere un periodo diverso e in cui c’è ancora disponibilità per due persone.

Se la persona che vorresti portare invece non parteciperà al progetto sarà soggetta a pagamento dei costi regolari dell’attività (da 45 a 60 euro al giorno per un adulto, da 25 a 35 euro per bambini sotto gli 8 anni, per maggiori dettagli guarda i prezzi sul sito del rifugio), ma potremo trovare soluzioni più adatte alle tue esigenze discutendo insieme il problema durante il nostro incontro conoscitivo su Skype..

Posso avere una stanza privata per dormire da solo?

Condivideremo la stanza riservata al personale, ma se preferisci dormire da solo, o da sola, potrai spostarti liberamente in qualsiasi altra stanza purché i letti non siano già prenotati da clienti del rifugio.

Sono richiesta particolari condizioni fisiche o di salute?

Per prima cosa considera che devi camminare circa 2h30 per raggiungere il rifugio, quindi è necessario un sufficiente allenamento fisico.

Se hai problemi cardiaci, valuta col tuo medico se puoi raggiungere la quota di 1700 mt o se ci sono altre complicazioni legate alla tua patologia.

Per il resto, ti sconsiglio di partecipare all’esperienza sul campo qualora avessi serie problematiche alla schiena o altre limitazioni fisiche importanti.

Se non hai la certezza di avere le caratteristiche fisiche adatte, ti aiuterò a valutare durante il nostro incontro conoscitivo su Skype. 

Cosa succede se mi dovessi sentire male al rifugio?

L’unica differenza rispetto ad una situazione ordinaria è che l’intervento del 112 arriverà probabilmente con elicottero o coi mezzi del soccorso alpino.

Ad ogni modo considera che svolgo attività di volontariato in Croce Rossa facendo anche servizi di soccorso, quindi puoi contare sul mio intervento di primo soccorso.

Come si arriva al rifugio?

Per arrivare al rifugio si parte da Pagnona (Lecco) e si sale a piedi percorrendo la strada militare gippabile in circa 2h30 o il sentiero diretto in circa 2h.

I tempi di percorrenza sono stimati in base a un passo medio e possono variare significativamente in funzione del tuo allenamento personale.

Come posso raggiungere Pagnona?

Puoi arrivare a Pagnona col tuo mezzo oppure con i mezzi pubblici.

Questa seconda opzione è meno consigliabile, ma comunque fattibile.

Se arrivi con un aereo puoi arrivare all'aeroporto Orio al Serio di Bergamo, di lì spostarti con navetta alla stazione ferroviaria e prendere il treno da Bergamo a Lecco.

Se invece arrivi col treno potrai arrivare alla stazione di Milano Centrale e di lì prendere il treno fino a Lecco.

In entrambi i casi, dalla stazione ferroviaria di Lecco dovrai infine prendere l’autobus che porta a Pagnona.

Attenzione però, nei giorni festivi gli autobus sono estremamente limitati!

Durante il nostro incontro conoscitivo su Skype. posso aiutarti a trovare la soluzione più adatta per te.

Posso usare il mio telefono e collegarmi a Internet dal rifugio?

La linea telefonica è molto ben coperta con operatori TIM o VODAFONE. Altri operatori hanno rete solo in rari punti nelle vicinanze del rifugio.

Se hai altri operatori ti consiglio di attivare una scheda a tempo limitato con uno degli operatori indicati.
Anche per usare internet dovrai usare il tuo smartphone, non esiste infatti nessun servizio di rete WiFi.

Come faccio se ho particolare esigenze alimentari?

Durante il nostro incontro conoscitivo su Skype. potrai parlarmi delle tue esigenze specifiche e troveremo insieme il modo di soddisfarle.

E’ fondamentale che io le conosca per tempo perché, vista la logistica del rifugio, dovrò organizzarmi in anticipo per poterti assicurare tutto il necessario.

Cosa succede se interrompo prima di iniziare il periodo al rifugio?

Nessun problema, avrai pagato la rata relativa al periodo di Coaching e l’assicurazione che dovrai necessariamente anticipare per tempi tecnici di elaborazione della pratica.

Naturalmente non sarai tenuto, o tenuta a versare la seconda rata.

Non solo, ma anche se non parteciperai al periodo al rifugio, le Sfide te le regalo io! 

Se non riesco a partecipare al periodo al rifugio posso avere il rimborso della quota assicurativa?

La quota assicurativa deve essere pagata entro il mese di maggio per i tempi tecnici richiesti dall’elaborazione della pratica e non può essere rimborsata.

Se scelgo di fare due settimane al rifugio pago di meno?

La scelta migliore è certamente quella di fare tre settimane per poter trarre il massimo dall’esperienza lavorando con calma, ordine e gradualità su di te.
Se per motivi personali non ti è possibile fermarti per l’intero periodo puoi optare per solo due settimane, ma il costo rimarrà invariato visto che l’offerta comprende in modo forfetario una serie di bonus completamente vantaggiose in ogni caso.

Tieni presente che se dovessi pagare per l'intero valore delle due settimane pagheresti comunque molto di più! 

La quota assicurativa cambia se mi fermo due o tre settimane?

La quota assicurativa copre un periodo mensile, quindi non varia per periodi di permanenza inferiori a questo tempo.