Quando muore una persona cara: la staffetta della vita di un’anima

quando muore una persona cara

Quando muore una persona cara, sembra sia normale provare una grande sofferenza. Eppure oggi voglio mostrarti che non è affatto così.
È un’esperienza che ho vissuto da poco io stessa e in cui ho provato grande commozione, ma mai sofferenza. In tutto questo solo una parola: GRAZIE.

La vita è come una staffetta di atletica.

In una staffetta c’è l’atleta che corre portando il testimone e dando il massimo di cui è capace per fare bene la sua gara.

Il suo obiettivo è quello di dare il meglio per la squadra, perché il lavoro di ogni atleta possa contribuire alla miglior prestazione possibile.

Mentre l’atleta che porta il testimone corre, l’altro atleta si prepara.
Si riscalda e comincia a correre a sua volta.
Intanto prepara la mano per accogliere il testimone che l’atleta precedente gli consegnerà avvicinandosi a lui.

Poi avviene la consegna e mentre l’atleta precedente smette di correre, il testimone è già nella mano dell’atleta successivo che parte forte e da il meglio che può per fare bene la sua gara.
Che è poi la gara di tutta la squadra.

In questo video vedi bene come funziona 🙂

Nella vita reale, il testimone è l’anima di una persona, quella dell’atleta precedente che passa all’atleta successivo in una catena infinita verso l’eternità.
Una gara corsa da una squadra di un numero di atleti illimitato.

E’ la gara della vita di un’anima che non finisce mai.

Scopri le mie risorse gratuite

Newsletter, ma non solo!
Ti offro subito il mio supporto gratuito con risposte esaurienti a tuoi commenti e alle tue mail, ma anche una settimana di Coaching gratis con me

Quando muore una persona cara tu sei chi sei diventato: conoscere per riconoscere

quando muore una persona cara-cambiare

Devi capire che tu sei ciò che hai da offrire al mondo e ciò che hai da offrire dipende da chi diventi ogni volta che ti relazioni a qualcuno.

Quando muore una persona cara, tu sei chi sei diventato, o diventata vivendo quella persona.
Quella persona ti ha trasformato in un modo o nell’altro e sta a te riconoscere ciò che ti ha donato per farne l’uso migliore.

In realtà, ogni volta che viviamo una persona ci stiamo riscaldando preparandoci a ricevere il suo testimone, ma spesso non ne siamo consapevoli.

Diventiamo chi saremo e già non siamo più gli stessi di un attimo fa, ma non ce ne accorgiamo se non ci facciamo attenzione.

Non siamo abituati a riconoscere, a vedere quello che c’è.
Così non vediamo nemmeno noi stessi e non ci conosciamo.

Se non vediamo chi siamo ora e chi eravamo prima della perdita di una persona cara, come potremo riconoscere come ogni cosa e persona ci trasformano?

Ecco perché devi imparare a riconoscere ciò che hai e ciò che sei per vedere quel dono, perché quel testimone è già tra le tue mani, anche se ancora non hai cominciato a correre.

Guarda bene chi eri e guarda bene chi sei ora.

Come ti comporti.
Cosa hai imparato?
Quali qualità sono emerse?
Quali esperienze hai fatto e che forza hai sviluppato, GRAZIE a quella persona?

In sostanza prova a chiederti, chi saresti se non ci fosse stata?

E appena vedi quel dono, comincia a correre la tua gara migliore.

Ora hai la responsabilità e l’onore di dare il massimo contributo in questa gara, perché il tuo testimone passi nelle mani di altri che a loro volta dovranno riconoscere e portare correndo meglio che possono.

E bada bene che tutto questo vale quando muore una persona cara, ma vale anche quando la vita ti allontana da lei 🙂

Dopo la perdita di una persona cara puoi scegliere consapevolmente le tue emozioni

perdita di una persona cara

A volte mi soffermo a ripensare al momento di quegli ultimi respiri, quello in cui ho ricevuto il testimone salutando per sempre quella persona cara, molto cara che me lo ha donato.
E quando lo faccio, inevitabilmente, sento il dispiacere della perdita.

La perdita di una persona cara c’è, è reale, si tratta di qualcosa che ora manca.
Quando ti concentri su quello che manca, provi sempre emozioni negative, ma puoi farlo in modo consapevole.

Così, sono io che scelgo di soffermarmi su quel breve istante infinito.

Non per farmi male, ma per riconoscere.
Per dare valore a quel momento e a quella persona che mi ha affidato la sua anima, per ringraziarla di quell’enorme dono che mi ha reso chi sono.
Nella mia mente l’immagine della consegna.

Quando penso quell’istante, ci resto il tempo di vederlo.
Del resto fa parte di una realtà fatta di tutto. Il passaggio: ciò che finisce e ciò che comincia.

Non solo, ma la morte fa parte della vita, non avrebbe senso fingere che non esista e non darle il valore che le appartiene.
Ma in questo c’è un però.

L’immagine di quel ricordo dura il lampo di un secondo e con lei l’emozione che trasporta.

L’istante immediatamente successivo invece è il dono, il testimone che ora ho tra le mie mani e stringo forte mentre corro.
E quell’attimo è troppo colmo di significato per perdersi nel dispiacere!

È così che appena sento il dispiacere la gratitudine è già arrivata.
Infinita, come è infinito quel momento.

Scelgo io quanto peso dare ad ogni istante, scelgo io quando e quale emozione provare, scelgo io quando e per quanto tempo soffermarmi su un ricordo perché ogni emozione abbia un senso.

E questo vale per tutti, anche per te.

Per questo devi sempre essere tu a decidere dove portare la tua mente e per quale motivo.
Consapevolmente.

Decidere, invece che lasciarti trascinare dagli eventi e dalle emozioni negative che ti bloccherebbero le gambe impedendoti di correre.

E considera anche questo: per riuscirci servono lucidità e consapevolezza perché facilmente vedrai il mondo girare nel verso opposto a come giri tu e ora ti spiego perché.

Quando muore una persona cara quello che conta è il testimone: tu pensa a correre

infinito

Potresti credere che sia giusto restare a lungo nella sofferenza pensando alla mancanza di quella persona. Del resto è probabilmente ciò che ti hanno insegnato.

Impari che è giusto provare dolore, o saresti insensibile.

Ma tu cosa pensi davvero?

Gli altri potrebbero pensare che non hai un cuore se non soffri, ma solo tu sai davvero quanto amore c’è e c’è stato per quella persona.

Fermarsi e limitarsi a ricordarla con sofferenza non fa che mettere la parola “fine” alla staffetta di quell’anima.

E questo non è amore.

L’amore vero comincia quando inizi a correre la tua corsa migliore mentre stringi forte nella tua mano quel testimone così prezioso.

Raccontando di questa esperienza a un amico, riflettevo su quanto questo modo di pensare potesse avvicinarsi a una filosofia di pensiero orientale.

Eppure neanche il tempo di dirlo e lui mi ha ricordato le parole di Gesù in un verso del Vangelo 🙂

Signore, permettimi di andare prima a seppellire mio padre». Gli replicò: «Lascia che i morti seppelliscano i loro morti; tu invece va’ e annuncia il regno di Dio”

Effettivamente queste parole sembrano la conferma esatta di quanto ti ho detto fin qui, ma con certezza posso dirti solo una cosa: questo è quanto ho sperimentato sulla mia pelle e che ho visto funzionare 😉

Così, quando muore una persona cara, quello che conta non è la morte, ma il testimone che ti ha consegnato e che altro non è che il suo messaggio.

Quello che portava al mondo perché il suo passaggio su questa terra avesse un senso, uno scopo riflesso in eterno.

E l’ha dato a te, proprio a te!, perché tu possa continuare la corsa della vita di un’anima che non morirà mai.

Imparare la gratitudine per vedere il senso di ogni cosa

gratitudine

Solo se ti impegni a correre nel modo migliore invece di immobilizzarti nell’assenza, puoi riconoscere la meraviglia che sei diventato, o diventata grazie a quel dono.

Solo così vedrai ciò che puoi fare davvero. Perché la perdita di una persona cara non vada sprecata, ma dia più senso alla tua vita.

Solo allora potrai dirle GRAZIE.

Non aspettare però, la gratitudine non si impara in un momento.

Allenati oggi a guardare e riconoscere ciò che hai, impara a coltivare pensieri positivi e a cogliere ogni opportunità che si nasconde dietro ogni cosa e persona.

Anche l’evento che ti sembra più negativo nasconde un’enorme opportunità, tanto più grande quanto più grande è l’evento. Ma per coglierla devi lavorare per farne l’occasione per diventare migliore.

Prima comincerai a correre, migliore sarà il contributo che darai alla tua squadra.
Più presto inizierai, più presto ti accorgerai di quanto non abbia senso soffrire.

Impara oggi a vivere ogni cosa pensando di prendere tutto il buono che ha da offrirti, perché quando muore una persona cara nella tua mente rimanga solo una parola: GRAZIE

Allora ama.
Ama sempre e sentirai come ogni istante sia perfettamente come deve essere, perché tutto ha un senso, anche la perdita di una persona cara.

Ti piace quello che scrivo?

Iscriviti GRATIS alla mia newsletter!

Condivido molti temi tratti da spunti di vita quotidiana e non solo.
Riceverai consigli e risorse utili e ogni novità per la tua crescita personale.
Comincia fin da ora, scopri chi sei e prendi in mano la tua vita!

Get Free Email Updates!

LASCIA IL TUO CONTATTO QUI SOTTO

Accetto il trattamento dei miei dati secondo le vigenti norme sulla privacy Privacy Policy

Puoi annullare l'iscrizione in qualsiasi momento facendo clic sul collegamento a piè pagina delle nostre e-mail

Serena Sironi
Serena Sironi
Architetto di formazione e gestore di un rifugio alpino, mi sono avvicinata alla crescita personale nel 2007. Da allora è cominciato quel percorso che mi ha permesso di rinascere scoprendo davvero chi sono e diventando più forte di ogni problema. Dal 2017 metto a disposizione la strada che ho percorso per prima a chi si affiderà a me come Mental Coach, anche grazie al particolarissimo ambiente del rifugio. Qualcuno mi definisce come architetto dell'anima. Concordo...
Ricevi aggiornamenti
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

32 Commenti
più nuovi
più vecchi
Inline Feedbacks
View all comments
Sarah
Sarah
Luglio 13, 2021 6:32 PM

Sai cara Serena anche se la mia mamma non mi ha ancora lasciata capisco perfettamente cio’ che scrivi e mi ci rivedo molto. Le devo solo un enorme Grazie per cio’ che mi ha dato, mi sta dando e cio’ che sono diventata grazie a lei. Sta dando un senso a cio’ che sono, alla mia vita e agli errori commessi. Tutte le colpe che le attribuivo sono svanite x fare posto solo all’amore. Ogni conflitto, attrito, divergenza e’ stata sanata senza bisogno di parole ma solo la presenza e l’esserci mi ha ripagato di tutto. Anche x le persone… Leggi il resto »

Marijana
Marijana
Luglio 13, 2021 7:45 AM

Bellissimo quanto hai scritto Serena, tutto questo non è poi così facile, perché c’è l’anno insegnato che è giusto stare male quando muore qualcuno, fin da piccoli. Oggi io i miei figli insegno la cosa per giusto, anche se io stessa non ci sono arrivata nel completamente. Concordo molto dove dici che non possiamo lasciare le nostre emozioni che ci guidano, ma guidarli noi. Mi ha molto toccata questa newsletter, sarà per la mia mamma credo, che se n’è andata e io la volevo così tanto, un bambino piccolo non riesce a capire. So che conta oggi è presente, ma… Leggi il resto »

Paola
Paola
Gennaio 4, 2021 8:35 AM

Stamattina mi sono immersa in questa lettura!
Grazie!!
Spero proprio che questo anno nuovo possa essere una bella parte di staffetta per un’evoluzione!

Grazie😘😘

Antonella Porracchio
Antonella Porracchio
Dicembre 10, 2020 6:52 AM

Ciao . Sono ormai sveglia da ore. Non riesco a riprendere sonno. Ieri è successo di aver ricevuto notizia della morte della mamma , molto anziana , di un amico . Ho espresso il mio pensiero e la mia vicinanza, cercando di trovare le giuste parole per incoraggiarlo e sollevarlo d’animo. Questa news l’avevo letta a suo tempo e mi è rimasta dentro . Personalmente ho vissuto l esperienza della morte , o meglio , del passaggio del “testimone”. Nel momento stesso in cui ho visto volare via LA LUCE degli occhi bellissimi e sempre sorridenti di mia sorella .… Leggi il resto »

Antonella Porracchio
Antonella Porracchio
Dicembre 12, 2020 12:06 AM
Reply to  Serena Sironi

Comprendo sommariamente. È chiaro che tutto si muova per volontà propria , ma mi sono sentita dire :” mi chiedo perché Dio voglia mettermi così tanto alla prova !” C’è sconforto , Serena, c’è rabbia, c’è delirio e disorientamento. Muore una persona anziana , una madre con la quale hai avuto il privilegio di viaggiare ma dire a persone che si vedono tolte un figlio giovane o un marito pieno di vita io non riesco a dire loro , ” tu non lo sai , ma hai già una mano il testimone, anche solo per starci a pensare ” ,… Leggi il resto »

Antonella Porracchio
Antonella Porracchio
Dicembre 12, 2020 5:56 PM
Reply to  Serena Sironi

Si . Immagino cosa possa fare una persona con questa piena consapevolezza. La nostra mente , unita allo spirito , può fare prodigi !! Potrei sollevarmi da terra, sollevare le persone , sollevare tutto il resto che , a sua volta , solleverà tutto il resto !! Certo , ovvio , che nulla posso trasmettere se io per prima non credo in quel che dico; VORREI TROVARE le GIUSTE PAROLE PER SOLLEVARE, ma posso diventare strumento efficace solo se ho piena consapevolezza e piena fiducia. Spero di non dover arrivare a vivere una esperienza così dolorosa , come la morte… Leggi il resto »

Alessandra Bozzo
Alessandra Bozzo
Novembre 14, 2020 5:06 PM

Ciao Serena,
penso che tu sia un grande esempio da seguire, in questo momento così impegnativo trovi la forza di condividere la tua crescita, l’analisi delle tue emozioni dei tuoi pensieri.
Grazie!💗

Carmen
Carmen
Novembre 9, 2020 11:21 AM

Grazie Serena x questo tuo messaggio…..anche se tremendamente triste l argomento morte, ora ha assunto un significato diverso…..😊

FRANCESCA
FRANCESCA
Novembre 7, 2020 5:14 PM

Grazie Serena per avere condiviso questa tua bella e generosa testimonianza. Certo non è semplice il percorso di elaborazione di una perdita così importante. Credo che si possa lasciare un po’ di spazio alla speranza e alla voglia di cogliere l’opportunità anche in un lutto. Si può cominciare o continuare con l’allenamento quotidiano..e ricordare sempre la gratitudine per tutto quello che ci viene donato.

Paola
Paola
Novembre 4, 2020 7:31 AM

Grazie Serena!❤

Mirian
Mirian
Novembre 3, 2020 9:06 PM

Molto bello! Credo che valga anche per quelle persone che fino a ieri ho considerato negative… se sono ciò che sono lo devo anche a loro!! Se ho sviluppato forza, pazienza e perseveranza lo devo anche a chi, fino a qualche tempo fa , consideravo causa di tanto dolore ed esiti negativi….

deborah
deborah
Novembre 3, 2020 3:19 PM

Ti voglio bene cara amica mia. ❤️ Grazie di scegliere ogni giorno di amare. ❤️ Farlo significa mettere in circolo vita, speranza, fiducia, gratitudine. Da tutto questo inevitabilmente impossibile non provare gioia e donare pace a se stessi e di conseguenza anche agli altri. ❤️

gianluca
gianluca
Novembre 3, 2020 9:46 AM

Grazie Serena 🙂 Penso che la gratitudine, vissuta in maniere profonda e sincera, sia una delle caratteristiche più potenti dell’amore. Allenarsi a vivere la gratitudine ti rafforza e può renderti più forte di quanto tu possa immaginare. Talmente forte da essere pronto a vivere “sereni” uno dei momenti più temuto da tutti gli esseri umani: la morte. Concordo con te, quando muore una persona cara provi dispiacere perchè ti manca, ma è anche vero che puoi scegliere di essere consapevole dei doni che tu hai ricevuto da quella persona: il godere della sua presenza, dei suoi abbracci, dei suoi sorrisi,… Leggi il resto »

PAOLA
PAOLA
Novembre 3, 2020 8:47 AM

Ciao Serena, grazie! Ti pensavo proprio ieri, al mattino qui c’era un po’ di nebbia, ho pensato a te, al rifugio all’inverno da affrontare in questo periodo così difficile….😘

Mara
Mara
Novembre 3, 2020 7:35 AM

Commossa e tanto grata per questo articolo.
Grazie Serena 🙏

Alle Mental Coach
Alle Mental Coach
Novembre 3, 2020 9:02 AM
Reply to  Serena Sironi

Ciao, Serena. Quando ci hai dato la notizia che la tua mamma se ne era andata, il primo pensiero è stato per te ed era la speranza che tu stessi bene, il secondo è stato: vediamo cosa tira fuori la Sere, quale perla preziosa ci saprà regalare. E questo ricco editoriale che stiamo commentando è stato la risposta puntuale alla mia attesa. In effetti, all’inizio della lettura di questa stupenda newsletter, mi chiedevo se tu stessi suggerendo la teoria della reincarnazione. Poi ho capito che parlavi d’altro. Ed è davvero incredibile il riscontro che le tue parole trovano nella vita… Leggi il resto »