Relazionarsi con gli altri è importante, ma come si fa?

Relazionarsi con gli altri

Relazionarsi con gli altri in modo sano e positivo è fondamentale per vivere serenamente la vita.

Non siamo soli su questa terra e sarebbe impensabile vivere senza interagire con gli altri.

Per quanto possiamo essere indipendenti infatti, avremo sempre bisogno degli altri, fosse anche solo per necessità pratiche e materiali.

Ecco perché sapersi relazionare in modo sano rende tutto più semplice.

Non solo, ma saper stare bene con gli altri costruendo relazioni positive e di condivisione reciproca aiuta anche a superare le difficoltà della vita.

Eppure costruire relazioni positive non è affatto semplice a volte e le difficoltà a relazionarsi con gli altri possono emergere in ogni relazione.

Così voglio proporti questo test gratuito.

 

Sembrerebbe facile pensare a quelle con le persone più vicine come le relazioni migliori, ma molto spesso non è così.

È proprio da loro, infatti, che potremmo pretendere di più.
Sono proprio loro le persone che potrebbero pretendere di più da noi.

Pretesa, tieni in mente questa parola 😉

Quando è così, i rapporti diventano difficili e faticosi, mentre le relazioni si logorano fino a rompersi.

Che si tratti di partner, fratelli, genitori o amici stretti, che siano relazioni professionali o piccole interazioni di ogni giorno, ricorda sempre una cosa.

Alla fine la differenza non sono mai gli altri a farla, ma come noi sappiamo relazionarci con loro.

E questo l’ho capito bene quel giorno che mi ha permesso di riflettere e capire come relazionarsi agli altri in modo davvero sano, stimolante e costruttivo.

Seguimi, perché è proprio quello di cui voglio parlarti ora 🙂

 

Relazionarsi agli altri: cosa influenza il tuo modo di farlo?

Ragazza che vuole avere ragione

Era l’8 dicembre e avevamo un pranzo in famiglia. C’eravamo noi, i soliti, ma c’era anche mia zia.

Un’occasione per stare insieme e chiacchierare un po’ come non accadeva da tempo.

E così avevo voglia di osservare e di osservarmi.

Volevo capire meglio cosa succede quando si sta insieme e ci si relaziona con gli altri.

La prima cosa che ho notato sono stati quei momenti in cui per un attimo scivolavo nel voler dire la mia.

A volte interrompevo e prevalevo sugli altri senza mai mettermi in discussione, altre mi irrigidivo e volevo avere ragione.

Altre ancora cadevo nell’assecondarli o compiacerli per guadagnarmi il mio spazio nel discorso o cercare la loro approvazione.

In ogni caso insomma, cercavo di controllarli perché le cose andassero come dicevo io.

Ti è mai successo qualcosa così?

Me ne accorgevo però. Così facevo un sorriso e tornavo ad ascoltare 🙂

Nulla di che, ma questi momenti mi hanno permesso di notare una cosa importante.

 

Egoismo e pretese: cosa rende difficile rapportarsi con gli altri

Rapportarsi con gli altri-ragazzo egoista cerca di convincere ragazza

Per quanto piccoli, erano questi i momenti peggiori del nostro stare insieme.

E quando l’ho visto è stato un attimo ripensare al passato.

Quando quelli che ora sono solo piccoli momenti erano la mia normalità, il modo di interfacciarmi con gli altri.

Ne avevo bisogno.

Ero disposta a tutto pur di sentirmi apprezzata, importante, utile per qualcosa e contare qualcosa per qualcuno.

Facevo di tutto anche per ottenere la considerazione degli altri.

Fosse anche per un lampo di secondo.

Completamente concentrata su di me, sui miei bisogni e le mie paure, ogni relazione diventava il “luogo” in cui soddisfare ogni mia pretesa.

Pretese, già.

E quando mi concentravo sugli altri lo facevo solo perché mi dessero ciò che mi serviva e che altrimenti non sapevo avere.

Pensavo di coinvolgerli, di rendere migliore il loro tempo e piacevole quel momento, di fare qualcosa per loro per il puro gusto di dare.

Non mi accorgevo di nulla, ma oggi lo so.

Dietro a questo, c’era spesso il mio egoismo.
Il bisogno di avere, di prendere da loro ciò che mi potevano dare.

Più cercavo di controllarli, più mi chiudevo nella paura che potessero togliermi qualcosa e non mi dessero quello che cercavo.

Pensavo di amarli, ma li stavo usando per soddisfare i miei bisogni.

Stavo bene con loro?

Ah

 

Perché non riesco a relazionarmi con gli altri?

ragazza triste e dispiaciuta

I soli momenti positivi delle mie relazioni erano quelli in cui ottenevo ciò che mi serviva.

Momenti fugaci in una continua lotta che rendeva faticosa ogni mia relazione.

E questo succede sempre quando vediamo negli altri l’unico modo per ottenere quello che ci serve.

Facile arrivare a sentirci esclusi, estranei agli altri.

Isolati e soli nella nostra battaglia.

E tutto quello che resta è quel briciolo di soddisfazione che arriva in quei, tanti o pochi, momenti di vittoria.

Quelli in cui otteniamo dagli altri quello che vogliamo.

Gli stessi che però lasciano profondi vuoti, sempre più difficili da colmare e che ci portano solo a lottare di più.

E il motivo te lo spiega bene Giacomo in questo video.

 

Questo video è tratto da uno dei nostri programmi della nostra Scuola di Indipendenza Emotiva.
Se ti interessa scoprire (gratis e senza fregature) come lavoriamo, partecipa a questo corso gratuito ⇒

 

Se guardi il video lo capisci cosa succede!

Sempre più concentrati su noi stessi, al centro ci siamo sempre noi.

E così non vediamo altro e ci perdiamo tutto il resto.

È così che nelle nostre relazioni portiamo malessere, senso di vuoto, noia e una latente insoddisfazione che inquina ogni rapporto.

Ed è questo che distrugge ogni relazione.

Succede a molti e, chissà, magari capita anche a te.

Ma lo sai quando scompare tutto questo?

 

Come costruire ottime relazioni con gli altri, sane ed appaganti per tutti

Relazioni sane-Ragazzi felici che stanno bene insieme

Quando impari a darti tu quello che ti serve, quando diventi TU la persona di cui hai veramente bisogno, è adesso che scompare ogni pretesa.

Quando stai bene con te e sai bastarti senza bisogno di nessuno, allora relazionarsi con gli altri diventa un’altra cosa.

E sì, perché bastarsi da soli è il solo modo per stare bene con gli altri.

Allora sì, puoi cambiare direzione al tuo sguardo!

Smettere di concentrarti su di te o sugli altri, per concentrati invece sul contenuto della relazione che vivi.

Ed è qui che la relazione diventa un “luogo” meraviglioso in cui star bene, senza più conflitti e senza più temere né lottare per nulla.

Un luogo sicuro in cui aprirti per portare te e condividere tutto il buono che hai, e intanto accogliere tutto il buono che la relazione ti può offrire.

È questo il modo per costruire buone relazioni!

Questo relazionarsi con gli altri che ci fa sentire pienamente appagati per ciò che riceviamo e perfettamente realizzati per ciò che abbiamo saputo offrire.

E intanto stiamo dando alla relazione quel contributo unico che nessun altro avrebbe potuto portare e che fa sentire che la vita ha un senso.

Aprirsi, il segreto è tutto qui.

Da qui passa la differenza tra Vivere una relazione e sopravvivere in una relazione 😀

È questo che le dà un senso mentre lo dà alla tua presenza in essa e alla tua stessa esistenza in quel momento!

E ogni relazione diventa un luogo “sacro” in cui dare e ricevere senza prendere 🙂

E questo significa amare 🙂

Occhio però, non puoi fingere…

 

Come relazionarsi con gli altri imparando a farlo in modo sano

Come relazionarsi con gli altri-amiche abbracciate che si vogliono bene

Non bastano dimostrazioni di amore per relazionarsi con gli altri in modo sano, bisogna amare veramente per costruire relazioni davvero positive e “belle” da vivere.

E così ti sarà utilissimo questo test gratuito.

 

I tuoi comportamenti per quanto ben mascherati, alla fine saranno coerenti con ciò che sei.

E gli altri se ne accorgono!

Mentre tu, dentro, continui a stare male.

Lo vedi? Non funziona così.

Devi cambiare tu.

Questo vuol dire eliminare ogni pretesa imparando a stare bene con te.

E per farlo è proprio da te che devi cominciare.

Per poter veramente stare bene con gli altri è fondamentale imparare a pensare a se stessi in un modo nuovo.

Non più concentrarsi su di sé, ma prendersi del tempo per sé stessi.

Un tempo per conoscersi, capirsi e riflettere su di sé.

Per capire di cosa veramente si ha bisogno e imparare a costruirlo dentro di sé.

Per farlo ti sarà utilissimo il diario emotivo, e nell’articolo che gli ho dedicato ti spiego come iniziare subito ad usarlo.

E capire te sarà prezioso anche per capire gli altri con vera empatia 😉

Ecco cosa devi fare allora:

  • Per prima cosa
    Osserva cosa vorresti dagli altri.
    Osserva se stai male (provi emozioni negative) ogni volta che NON lo ottieni.
    Se stai male hai trovato una pretesa
  • Quindi chiediti a cosa ti serve quello che pretendi. Cosa ottieni quando ce l’hai?
    E quando trovi la risposta chieditelo di nuovo fino a esaurire ogni risposta
  • A quel punto fai due cose. Dallo a te e dallo agli altri.

Capito bene l’ultimo punto?

Quando scopri di cosa hai davvero bisogno:

  1. dallo a te
  2. dai lo stesso agli altri

È il punto più importante!

Ma occhio, vai oltre alle apparenze.

Se ti chiedi davvero a cosa ti serve ciò che pretendi, potresti scoprire che desideri ascolto, comprensione, fiducia, considerazione, sincero interesse.

Magari anche solo un sorriso. Di quelli veri però 🙂

Scrivi la tua lista.

(Scrivi davvero, scrivere rafforza il valore di ciò che vedi)

Quindi dai tutto questo a te prima di tutto.

Amare se stessi è fondamentale per per poter amare gli altri.

E relazionarsi con gli altri non può che passare da qui.

Quindi dallo agli altri ogni volta che puoi.

 

Relazionarsi agli altri: cosa fare per star bene con gli altri stando bene con se stessi

Relazionarsi agli altri-ragazza felice che porta altra ragazza felice sulle spalle

È così che dando a te ciò di cui hai bisogno, darai agli altri quello che vorresti ricevere.

E, fidati, ciò che più profondamente desideri per te sarà lo stesso che più profondamente desiderano anche gli altri.

Già, perché la natura umana è la stessa per tutti.

E questo ti farà costruire la miglior relazione con te, mentre fai lo stesso con loro 🙂

Dare a se stessi e dare agli altri in equilibrio significa stare bene e in armonia con se stessi stando bene con gli altri.

E non fare l’errore che fanno molti!

Credere di poter chiudere tutto il mondo fuori e pensare SOLO a se stessi per tornare, solo poi, a donarsi e donare agli altri.

Non funziona così.

Questo significa di nuovo chiudersi nell’egoismo alimentando nuove paure e pretese.

Ma il confine, a volte, può essere anche molto sottile.

E così ti propongo anche questo test gratuito per scoprire se è quello che sta succedendo anche a te 😉

 

Ricordalo, è sempre e solo restando aperti mentre ci si prende cura di sé che ci si sente davvero bene.

Insomma, dare e ricevere senza prendere.

Ecco come vivere serenamente relazioni appaganti e piene di significato.

Tutte, anche quelle in cui ora lo penseresti impossibile 😉

Serena Sironi
Serena Sironi
Nel 2007 la mia vita difficile mi ha avvicinata alla crescita personale. Ho capito che era lì la soluzione alla mia infelicità! Solo 10 anni dopo però, con la Scuola di Indipendenza Emotiva su diventarefelici.it, è iniziato il mio percorso verso una vera rinascita. Ho scoperto chi sono davvero, ritrovato il senso della vita e la voglia di vivere ogni cosa con gioia ed entusiasmo. Da allora, come Mental Coach, collaboro attivamente con la Scuola. Desidero profondamente aiutare tutti a percorrere la strada che ho percorso per prima. Perché tutti possono arrivare dove sono arrivata io!
Ricevi aggiornamenti
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Si può vivere una vita senza ansia?

Scoprilo subito, il nostro Corso è Completamente 

GRATIS!